CONGO: Ripulita dai rifiuti, la spiaggia di Pointe-Noire ritrova il suo fascino

Pubblicato il 10/07/2024 | La rédaction

Congo

È stata effettuata un'operazione di pulizia sulla spiaggia congolese di Pointe-Noire. Almeno 2,6 tonnellate di rifiuti sono state raccolte dal sito, che cominciava a perdere il suo fascino.

In Congo, l'igiene è affare di tutti. I soci del Lions Club International lo hanno dimostrato anche di recente, quando hanno effettuato un'operazione di pulizia sulla spiaggia di Pointe-Noire, la seconda città più grande del Congo. L'iniziativa ha permesso di raccogliere 2,6 tonnellate di rifiuti, soprattutto sacchetti di plastica e oggetti.

Il team, supportato dalla società civile congolese, ha lavorato con attrezzature (pinze, sacchi e bidoni della spazzatura) fornite dalla società libanese Averda, che fornisce servizi di gestione dei rifiuti in Marocco, Sudafrica e Congo. "Il nostro obiettivo è contribuire a costruire un futuro sostenibile e pulito per le generazioni future", afferma il Lions Club International.

In questo Paese dell'Africa centrale si sta facendo, o si sta facendo sempre di più, ogni sforzo per combinare servizi igienici ed economia circolare. A Nkayi, nel dipartimento di Bouenza, l'Unione Europea (UE) sta fornendo 21 miliardi di franchi CFA (32 milioni di euro) per finanziare l'installazione di un'unità di riciclaggio dei rifiuti. I rifiuti domestici e altri detriti generati dai 120.000 abitanti saranno utilizzati per produrre le pietre da pavimentazione che saranno installate sulle strade principali.Le pietre da pavimentazione saranno installate sulle arterie della città per migliorare l'ambiente di vita e creare posti di lavoro.

Alcuni congolesi non aspettano le misure amministrative e investono in prima persona nel riciclaggio dei rifiuti. È il caso dei membri dell'associazione Recy Plast, con sede nel quartiere di Kombé, alla periferia della capitale Brazzaville. Essi danno una seconda vita ai rifiuti di plastica e vetro trasformandoli dopo il recupero. Le pietre da pavimentazione prodotte sono utilizzate per diversi progetti paesaggistici e vengono vendute a 5.000 franchi CFA (oltre 7 euro) alm2.

Fonte: www.afrik21.africa


Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo...

Lascia un commento

Il tuo commento verrà pubblicato dopo la convalida.